La più popolare moneta criptata, il bitcoin (BTC), ha raggiunto un nuovo massimo annuale nelle prime ore del lunedì (ora UTC), superando tutte le monete tranne una nella top 10.

All’ora del pixel (03:33 UTC), la BTC scambia a 12.037 USD ed è aumentata del 2,3% in un giorno e di quasi l’8% in una settimana. In precedenza, ha raggiunto quasi USD 12.043, contro i 12.041 USD raggiunti il 2 agosto quando si è schiantata in pochi minuti. Anche il prezzo è salito del 29% in un mese e del 5,7% in un anno.

Grafico dei prezzi BTC

Uno dei token più performanti di quest’anno, l’ethereum (ETH), al 2° posto per capitalizzazione di mercato, è rimasto invariato in un giorno ed è salito del 4% in una settimana, scambiando a USD 397.

Le altre monete più importanti tra le prime 10 monete per capitalizzazione di mercato mostrano risultati contrastanti, con il cardano (ADA) in calo del 2,6% e il chainlink (LINK) in rialzo del 4%. LINK è ora al 6° posto per capitalizzazione di mercato, lasciando dietro di sé bitcoin SV (BSV) e litecoin (LTC).

L’intera capitalizzazione di mercato è aumentata dell’1,6%, raggiungendo quasi USD 371 miliardi, mentre la posizione dominante di Bitcoin System, ovvero la percentuale della capitalizzazione di mercato totale, si attesta a quasi il 60%, con un aumento di quasi 0,5 punti percentuali in un giorno.

Dopo il crollo del mercato di una settimana fa, Marc van der Chijs, fondatore della società VC First Block Capital e quotata in borsa BTC miner Hut 8 Mining, ha avvertito che altri flash crash di BTC stanno arrivando in questo nuovo mercato toro.

„Non allarmatevi se BTC si blocca all’improvviso, c’è semplicemente troppa leva nel mercato dei derivati e troppi trader inesperti stanno giocando con il denaro. Non vendete“ ha detto la settimana scorsa.

Nel frattempo, come riportato, Grayscale, un’importante società di gestione patrimoniale criptata di proprietà di Digital Currency Group, lancerà questa settimana negli Stati Uniti una campagna pubblicitaria nazionale di criptaggio. La campagna giunge in un momento di grandi incertezze socio-economiche e geopolitiche, che potrebbero far volgere la testa della gente verso alternative finanziarie e monetarie.